Legalità e lotta alla mafia, siglato protocollo dintesa tra Comune di Pachino e istituto superiore “Bartolo”

Sarà costituito un coordinamento tecnico formato da tre rappresentanti di ciascuno dei soggetti coinvolti, Comune e Scuola e di cui farà parte anche la rappresentanza studentesca, che si occuperà della  programmazione degli interventi e la definizione del programma di attività

Diffondere tra gli studenti la cultura della legalità, della lotta alla mafia, dei valori civili e consentire l’acquisizione di una nozione più profonda dei diritti di cittadinanza. Questi gli obiettivi del protocollo d’intesa siglato stamattina tra il sindaco, Roberto Bruno, e il dirigente del primo istituto superiore “Michelangelo Bartolo”, Antonio Boschetti. Nei locali dell’aula magna, in presenza degli studenti di tutte le seconde classi coordinati dal referente della commissione Educazione alla legalità, il docente Antonio Armone, sono state apposte le firme dopo una lezione del sindaco Bruno sul ruolo dell’ente municipale nella comunità.

Continua e si rafforza – ha dichiarato il sindaco Roberto Bruno – il rapporto di cooperazione tra il Comune e la scuola, con attività che promuovono la cultura della legalità, la partecipazione democratica e la cittadinanza attiva, nonché iniziative di natura culturale”.

Nel protocollo sono previste attività che prevedono per gli studenti la conoscenza delle istituzioni del Comune (giunta, sindaco, consiglio comunale), conferenze sulla legalità e illustrazione dello statuto del Comune di Pachino e sulla partecipazione alle attività amministrative, il calendario civile, la partecipazione a progetti su inclusione e legalità e un ciclo di incontri sui temi della lotta alla mafia.

L’obiettivo – ha continuato il sindaco – è di instaurare un proficuo rapporto tra cittadino ed ente pubblico del Comune di Pachino, attraendo l’attenzione dei giovani e degli studenti sui valori culturali civici e sulla necessità di conservare tali valori e di farne oggetto di programmi educativi, soprattutto attraverso la realizzazione dei progetti formativi presentati dall’istituto”.

Per garantire l’attuazione del protocollo sarà costituito un coordinamento tecnico formato da tre rappresentanti di ciascuno dei soggetti coinvolti, Comune e Scuola e di cui farà parte anche la rappresentanza studentesca, che si occuperà della  programmazione degli interventi e la definizione del programma di attività.

Un momento importante – ha commentato il dirigente scolastico, Antonio Boschetti – di  collaborazione tra scuola e Comune che rientra tra le priorità strategiche formative dell’istituto ed è anche materia inserita nel curricolo di istituto”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo