“No” alla criminalità e alle mafie: Pachino in marcia per la legalità

Partenza alle 9 da contrada Pianetti, dalla piazzola antistante il magazzino dell'azienda Fortunato

Pachino deve reagire: marciamo tutti assieme per ribellarci alle mafie e alla criminalità“. Il sindaco, Roberto Bruno, e il presidente del Consorzio di tutela Igp Pomodoro di Pachino, Salvatore Lentinello, avevano lanciato l’appello alla cittadinanza affinché l’iniziativa “Pachino per la legalità” potesse vedere la massima partecipazione da parte della città. Partita alle 9 da contrada Pianetti, dalla piazzola antistante il magazzino dell’azienda Fortunato recentemente devastata da un incendio, il riscontro c’è stato.

La mobilitazione vuole anche essere un atto di solidarietà nei confronti del giornalista Paolo Borrometi, che ha svelato gli interessi della mafia nel settore, in questo territorio, e nei confronti del quale il boss siracusano Salvatore Giuliano avrebbe emesso una sentenza di morte, come emerso da alcune intercettazioni.

“Oggi è importante manifestare per la legalità e partecipare alla marcia. Pachino è contro la mafia. Vicinanza massima a Borrometi – ha detto il sindaco Bruno – Un grazie alle forze dell’ordine che con la loro costante presenza sul territorio riescono a prevenire e reprimere la corruzione e l’illegalità, restando sempre al fianco dei cittadini“. Gregorio Porcaro, coordinatore regionale di Libera si rivolge “ai giornalisti seri” che cercano di raccontare la verità, “anche a costo della vita: non mollate. La società civile responsabile è con voi. Mi rivolgo alle istituzioni auspicando che Borrometi possa continuare a dare in sicurezza il suo prezioso apporto alla vera informazione. Siamo a Pachino anche contro gli atti criminali subiti nelle ultime settimane dagli imprenditori agricoli del territorio. I cittadini di buon senso e buona volontà facciano da scudo contro questi attacchi alla vita di tutti coloro i quali operano per il bene comune”.

Alla manifestazione di massima mobilitazione cittadina per la legalità e contro le mafie, organizzata dal Comune di Pachino e dal Consorzio di tutela “Igp pomodoro di Pachino” parteciperanno Libera, Associazione Commercianti, Apac, Avis, Scout Agesci Pachino 2, Misericordia, Proloco Marzamemi, Rotary, Cia, Confagricoltura, Cgil, Cisl, Uil, Cna, istituto comprensivo “Pellico”, istituto comprensivo “Brancati/Sgroi”, Istituto comprensivo “Verga”, gli istituti superiori “Bartolo” e “Calleri”, le parrocchie Chiesa Madre e Sacro Cuore, Centro commerciale naturale “Marzamemi”, cinecircolo Cinefrontiera, Coldiretti, Consulta comunale dello Sport, Circolo Tennis Pachino, Volley Pachino, associazione Panificatori, associazione Studi storici e culturali, associazione “Lungomare Starrabba”, associazione “Quelli del borgo” e Laamp.

Oggi sarà inoltre suggellato il “Patto per la Legalità e contro le Mafie”, un documento che traccia questa giornata ribadendo il “No” convinto dell’intera comunità a mafie e criminalità, consegnato la scorsa settimana dal sindaco Roberto Bruno al Prefetto di Siracusa, Giuseppe Castaldo, durante la riunione del comitato provinciale per l’ordine pubblico e la sicurezza.

Il documento consiste nella sottoscrizione di una serie di atti e di impegni a favore della legalità da parte della Giunta municipale, Consorzio Igp, Associazione commercianti, Organizzazioni datoriali, istituzioni scolastiche e consiglio comunale.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo