Pachino, costruisce una villa di lusso in un terreno agricolo non suo. Denunciato 33enne vicino al boss Giuliano

A seguito delle indagini, la struttura è stata posta sotto sequestro penale e il 33enne denunciato per abusivismo edilizio

Immagine di repertorio

Una villa abusiva su un terreno sottoposto a vincoli e non ancora di proprietà del costruttore. Questo è ciò che hanno scoperto gli agenti del commissariato di Pachino e della Polizia municipale quando sono andati a controllare un cantiere in contrada Chiusa Garrano Carrubbella dove erano in corso gli interventi di costruzione di una villa di 276 metri quadrati.

Il responsabile dei lavori risultava essere G.G. 33enne già noto alle forze di Polizia e riconducibile al boss Salvatore Giuliano, il quale, in virtù di un compromesso redatto con il proprietario del terreno, e quindi senza alcuna compravendita, avrebbe avviato i lavori edili in netta difformità a quanto previsto dalla legislazione vigente. Nello specifico, in un terreno destinato a verde agricolo, un magazzino veniva trasformato in una lussuosa villa apportando sostanziali modifiche all’originale concessione edilizia.

A seguito delle indagini, la struttura è stata posta sotto sequestro penale e il 33enne denunciato per abusivismo edilizio.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo