Pachino, Alla tesoreria comunale mancano almeno 45 mila euro: stasera in Consiglio comunale la relazione della Corte dei Conti

Il caso è già finito in mano alla Procura della Repubblica di Siracusa un altro caso, forse una pezza messa male, viene scoperta dai Carabinieri: sarebbero stati trovati degli assegni dell’ammontare della stessa cifra “scomparsa” in un cassetto del comando del Vigili Urbani

C’è un grave ammanco di soldi alla tesoreria del comune di Pachino. Fino ad ora c’è certezza di 45.840 euro, soldi che secondo i Revisori dei Conti non sono mai confluiti nella tesoreria dell’ente grazie, pare, a qualche operazione “dubbia” di un responsabile di posizione organizzativa che avrebbe operato su un conto corrente intestato al comune di Pachino, prelevando delle somme senza autorizzazione e senza giustificarle. Ma c’è altro.

Forse la voragine è più grande del previsto. Forse. E questa sera alle 20 al Consiglio comunale convocato con urgenza dal presidente dell’aula Salvatore Borgh qualcosa si potrà cominciare a capire. Dopo i furbetti del cartellino, un’altro caso sta mettendo Pachino al centro delle cronache. L’ente che si occupa delle riscossioni dei tributo locali per conto del Comune, sempre secondo quanto hanno verbalizzato i Revisori dei Conti, non ha mai rendicontato quanto riscosso né tantomeno rispettato la clausola relativa al riversamento trimestrale delle somme riscosse conto dell’ente.

Mentre il caso è già finito in mano alla Procura della Repubblica di Siracusa un altro caso, forse una pezza messa male, viene scoperta dai Carabinieri: sarebbero stati trovati degli assegni dell’ammontare della stessa cifra “scomparsa” in un cassetto del comando del Vigili Urbani di Pachino.

Francesco Midolo


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi