Pachino, “ok” al nuovo palazzo comunale di via Bixio. Il sindaco Roberto Bruno: “subito l’appalto e lavori in primavera”

Il finanziamento è di 1 milione di euro e servirà alla costruzione della nuova ala per gli uffici. Il progetto è stato realizzato dall’architetto Armando Grech e dall’ingegnere Carmelo Pulvirenti

La Regione ha pubblicato il decreto di finanziamento di 1 milione di euro per la costruzione del nuovo palazzo comunale di via Bixio, dando così l’avvio per l’indizione della gara d’appalto“. È il sindaco, Roberto Bruno, a dare la notizia del documento del  Dipartimento Infrastrutture Mobilità e Trasporti dell’assessorato regionale Infrastrutture e Mobilità, a firma del dirigente del servizio Calogero Franco e del dirigente generale Fulvio Bellomo.

Il finanziamento per la ristrutturazione dell’ala del palazzo comunale – ha dichiarato il sindaco Bruno – è importante per la città e l’ente perché avrà il ruolo di riqualificare non solo la casa di tutti i cittadini ma un intero isolato del centro storico pachinese, da decenni abbandonato a se stesso e in condizioni di degrado e i nuovi locali. E che, inoltre, una volta ultimati i lavori, l’ala sarà destinati agli uffici comunali e sgraveremo così definitivamente il Comune del pagamento degli affitti di altri immobili privati”.

Il progetto è stato realizzato dall’architetto Armando Grech e dall’ingegnere Carmelo Pulvirenti, in collaborazione con il responsabile dei Lavori pubblici, Corrado Malandrino, e il rup, Corrado Avarino, e i punti cardine su cui si fonda l’idea progettuale sono l’eliminazione di un potenziale pericolo per la pubblica incolumità date le condizioni di instabilità e di sporcizia delle vecchie strutture di via Bixio, migliorare l’accessibilità dell’intero isolato sede del palazzo comunale, tramite la realizzazione di nuovi varchi, l’inserimento di scale e rampe di accesso per l’abbattimento delle barriere architettoniche, nuova pavimentazione e verde attrezzato.

Raggiungeremo anche l’obiettivo – ha detto l’assessori ai Lavori pubblici ed Urbanistica, Gianni Scala -, di migliorare la qualità dei servizi ed il controllo del territorio grazie all’utilizzo di apparecchiature di video sorveglianza collegate direttamente con le forze dell’ordine, e di realizzare un edificio energeticamente sostenibile e antisismico“.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo