Pachino, Polizia municipale: tre ispettori trasferiti per motivi disciplinari dal Comando

Spostati ai Servizi demografici e ai Lavori pubblici

Tre agenti del comando di polizia municipale sono stati trasferiti: due per contestazione di addebito disciplinare e uno a seguito di una lettera riservata. Si tratta degli ispettori Aldo Corindia, Mario Novello e  Carmine Quercia. Corindia e Quercia sono stati trasferiti ai Servizi demografici, il primo, e ai Lavori pubblici, il secondo, a seguito di una contestazione di addebito disciplinare avviata dal responsabile del X settore “Polizia municipale”.

Per i due è stato chiesto il rinvio a giudizio, lo scorso 23 febbraio, per abuso d’ufficio in concorso perché erano stati assunti dal Comune di Pozzallo, assieme all’ex comandante Nicola Campo, senza l’autorizzazione da parte del Comune di Pachino, da cui provenivano. Inoltre era riconosciuta anche l’indennità chilometrica seppur si trovavano in aspettativa non retribuita dal Comune di Pachino per urgenti motivi personali e di famiglia. L’udienza preliminare fissata il 27 giugno, in questo procedimento i due Comuni sono parti offese.

Per l’ispettore Novello, invece, il trasferimento ai Servizi demografici è arrivato a seguito di una nota riservata dello scorso gennaio. Mario Novello lo scorso settembre è stato rinviato a giudizio con l’ex comandante della polizia municipale di Pachino, Nicola Campo, l’ispettore della polizia municipale, Aldo Corindia, Luigi Angotti e Flavio Iacona, con l’accusa a vario titolo di peculato, abuso d’ufficio e favoreggiamento personale commesso negli uffici del comando dei vigili urbani nel 2017.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo