Pachino, raccontare il Mediterraneo attraverso “barche” multimediali: al via il progetto “Through the sea”

La prima “barca multimediale” che “salperà” il 3 agosto, considerata il primo “nodo” del progetto,  narrerà del mare come via del commercio. Il mare ha rappresentato per secoli la più importante via di commercio e di scambio

Raccontare il mar Mediterraneo e tutti i suoi “segreti” attraverso delle “barche” multimediali nel centro storico di Marzamemi. Si intitola “Through the sea” ed è un progetto nel progetto, ovvero la scelta di portare fuori dai laboratori e dalle aule universitarie e far conoscere le importantissime ricerche in ambito archeologico sottomarino (Marzamemi Maritime Heritage Project) che da 5 anni stanno portando avanti nel mare di Marzamemi e Pachino l’università di Stanford in collaborazione con Whiting Foundation, la Soprintendenza del mare, Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, l’assessorato regionale ai Beni culturali e il Comune di Pachino.

Domani venerdì 3 agosto alle 15 sarà inaugurata in piazza Regina Margherita a Marzamemi una installazione multimediale che sarà la prima di una serie di punti di osservazione privilegiati del patrimonio culturale sottomarino, che nasceranno in tutto il centro storico del borgo marinaro nel 2019. Al taglio del nastro saranno presenti l’assessore regionale ai Beni culturali, Sebastiano Tusa, il Soprintendete del Mare, Adriana Fresina, il Soprintendente ai Beni culturali di Siracusa, Calogero Rizzuto, il sindaco di Pachino, Roberto Bruno, Fabrizio Sgroi della Soprintendenza del mare e Justin Leidwanger, dell’università di Stanford.

L’allestimento – ha spiegato Leopoldo Repola, uno dei progettisti – vuole narrare il mare come luogo esteso di relazione ed eventi, di forze e movimenti tra gli uomini e le terre, vento, odori, apparente quiete degli abissi. L’allestimento si compone di quattro nodi, uniti dal senso comune dell’uso del mare ma diversi negli accadimenti, nel rilancio di vite spese sui margini delle onde“.

La prima “barca multimediale” che “salperà” il 3 agosto, considerata il primo “nodo” del progetto,  narrerà del mare come via del commercio. Il mare ha rappresentato per secoli la più importante via di commercio e di scambio. Le navi hanno mosso di tutto, uomini, metalli, alimenti, oggetti e architetture, come la chiesa bizantina inabissatasi a Marzamemi, che dalla Turchia attendeva di comporsi sulle coste d’occidente o dell’Africa, fino al naufragio che ne ha disperso i pezzi nello spazio infinito, aperto del mare.

Grazie al lavoro svolto dall’ ASAstudio, gli utenti potranno immergersi nel racconto tra  suoni, video e filmati, attraversando i nodi realizzati in legno e che contengono dispositivi multimediali. Gli altri “nodi”, che saranno pronti per l’estate del 2019, racconteranno “U mari” da altri punti di vista: le traiettorie di scambi tra le genti delle epoche preistoriche e protostoriche, l’antica mattanza dei tonni in Sicilia, e drammatici viaggi della speranza dei migranti.

Il mare come elemento di interpretazione storica e come elemento naturale – ha dichiarato il sindaco, Roberto Bruno –, secondo il grande insegnamento storiologico di Fernand Braudel, e come elemento di comunicazione, ieri come oggi, in grado di veicolare non solo merci e commerci, ma soprattutto beni e patrimonio culturale. L’attività di scavo condotta in questi anni ha permesso di riportare alla luce importanti testimonianze storiche che parlano della vastità del mare Mediterraneo, della centralità della Sicilia e di questo lembo di territorio, e del persistente scambio commerciale tra le varie sponde del Mediterraneo. Ora questo patrimonio sarà raccontato. Questo progetto, suggellato dal patto di collaborazione con Regione Sicilia e Stanford, rappresenterà la consacrazione definitiva di Marzamemi a meta turistica culturale e naturalistica“.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo