Pachino, rapisce la cognata e la costringe a incontrare il marito lasciato da qualche mese: in manette un uomo e una donna

La vittima, tramite cellulare, riusciva a chiedere aiuto al fratello il quale si rivolgeva alla Polizia che riusciva a ritrovare la donna, salvandola

Nella giornata di ieri, agenti della Polizia di Stato, in servizio al commissariato di Pachino, hanno arrestato un uomo (classe 1972) e una donna (classe 1971), entrambi residenti a Pachino e già noti alle forze dell’ordine, per i reati di sequestro di persona, violenza privata, atti persecutori e maltrattamenti in famiglia.

In particolare, nel primo pomeriggio di ieri, l’arrestata convinceva la cognata (che da qualche mese aveva lasciato il marito e si era rifugiata dai genitori con le figlie) ad andare a prendere un caffè insieme e successivamente, con uno stratagemma, riusciva a portarla in un terreno agricolo, allontanandosi poi con l’automobile e lasciandola lì dove, subito dopo, giungeva il marito che, minacciandola e trattenendola con la forza per circa due ore, cercava di convincerla a tornare a casa con lui.

La vittima, tramite cellulare, riusciva a chiedere aiuto al fratello il quale si rivolgeva alla Polizia che riusciva a ritrovare la donna, salvandola.

Dopo le incombenze di rito, la donna è stata posta ai domiciliari mentre l’uomo è stato condotto nel carcere di Cavadonna.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo