Pachino, scarcerato il giovane accusato di vessazioni ai danni del padre

L'avvocato Caruso Verso ha sostenuto la mancanza della flagranza, condizione indispensabile per procedere all’arresto, opponendosi all’adozione di qualunque misura cautelare

Si è svolta ieri mattina, davanti al Gip Giuseppe Tripi, l’udienza di convalida dell’arresto effettuato dai Carabinieri di Pachino nei confronti del trentaduenne A.G., accusato di continue vessazioni e minacce nei confronti del padre.

Secondo l’accusa, il giovane, difeso dall’avvocato Luigi Caruso Verso, avrebbe posto in essere i comportamenti contestati allo scopo di ottenere somme di denaro per l’acquisto di droga. Davanti al Gip, il giovane ha negato gli addebiti e ha fornito una spiegazione diversa con riferimento ad alcuni contrasti avuti con il genitore.

Il Pm Davide Lucignani aveva chiesto per il giovane la convalida dell’arresto e la custodia cautelare in carcere, l’avvocato Caruso Verso ha invece sostenuto la mancanza della flagranza, condizione indispensabile per procedere all’arresto, opponendosi, inoltre, all’adozione di qualunque misura cautelare. Il Gip ha quindi accolto le richieste del legale difensore, non ha convalidato l’arresto e ha disposto l’immediata liberazione dell’indagato.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi