Pachino, sei società in lizza per la gestione dei tributi e il recupero dell’evasione

Le entrate comunali sono Iuc (Imu-Tasi-Tari), Cosap e Icp

Sono sei le società che si contenderanno il ruolo di nuovo agente di riscossione per il recupero dell’evasione dai tributi per conto del Comune di Pachino. A presentare istanza nei termini previsti dal bando alla Centrale unica di committenza di Modica sono state: Sogert Spa, con sede a Grumo nevano, in provincia di Napoli, Studi e servizi alle imprese Srl, con sede a Catania, Rti Gefil Srl (mandataria), con sede a Campobello di Licata (Agrigento) e Az riscossione tributi locali Srl (mandante), con sede a Roccella (Palermo), Aeg riscossioni Srl, con sede a Lucca, Lmco Srl con sede a Latina e Creset Spa, con sede a Milano. Tutte le sei aziende sono state ammesse alla fase successiva da parte della commissione della Cuc di Modica.

La prossima fase sarà la valutazione delle offerte tecniche (prevista il 9 luglio) presentate per l’oggetto del bando: il recupero dell’evasione riguarda le entrate comunali: Iuc (Imu-Tasi-Tari), Cosap e Icp, ovvero tassa sui rifiuti, imposte di pagamento del suolo e della pubblicità, tassa sugli immobili e sui servizi indivisibili. Il nuovo agente di riscossione, dunque, dovrà essere di supporto all’ufficio Tributi per l’espletamento delle procedure di recupero per omessi o insufficienti versamenti a partire dall’anno 2014. Il contratto di affidamento previsto è triennale e l’importo complessivo per aggio e commissioni è calcolato in 580 mila euro.

Tra i servizi che dovrà garantire l’impresa che si aggiudicherà l’appalto nei locali messi a disposizione dal Comune: sportelli per la consulenza delle posizioni esaminate e l’ assistenza e la consulenza tributaria ai contribuenti. La notifica degli atti avverrà attraverso i mezzi ordinari utilizzati dall’amministrazione e, in particolare mediante servizio postale, messi comunali ed ogni altro mezzo ritenuto opportuno.

Inoltre, l’appaltatore dovrà gestire in maniera automatizzata l’intera attività di riscossione pre-coattiva con tracciatura delle operazioni su ogni singolo contribuente, avvalendosi dei sistemi gestionali utilizzati dall’amministrazione; espletare controlli sostanziali e formali sulle singole operazioni, rendicontare gli incassi con periodicità; gestire tutte le attività di front e back office che riguardano l’attività di riscossione pre-coattiva. Per il recupero evasione e precoattivo delle entrate comunali è previsto un aggio non superiore a 13 percento per il concessionario e le spese postali e di notifica saranno a carico dell’amministrazione.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo