Pachino, trovato per l’ennesima volta fuori dall’abitazione nonostante i domiciliari: arrestato e portato a Cavadonna

Zisa già altre volte non era stato trovato in casa al momento controllo degli agenti e con una tecnica ormai collaudata che aveva già messo in atto numerose volte usciva di casa quando voleva grazie anche all’aiuto della compagna la quale raccontava che Maicol non si sentisse bene e che fosse al Pte

Nel corso della giornata di ieri, martedì 12 settembre, i Carabinieri della Stazione di Pachino, impegnati in servizio di perlustrazione sul territorio di competenza, hanno tratto in arresto in flagranza del reato di evasione Maicol Zisa, classe 1993, che, trovato al di fuori della propria abitazione di Pachino, è stato tratto in arresto dai Carabinieri della locale Stazione e portato nella casa circondariale “Cavadonna” di Siracusa.

Zisa era stato arrestato più volte per minacce e per evasione dagli arresti domiciliari nonché resistenza, violenza, minaccia a Pubblico Ufficiale e danneggiamento aggravato.

Lo scorso maggio, infatti, Zisa non era stato trovato in casa al momento controllo degli agenti e con una tecnica ormai collaudata che aveva già messo in atto numerose volte usciva di casa tutte le volte che voleva grazie anche all’aiuto della compagna la quale raccontava che Maicol non si sentisse bene e che fosse al Pte (Presidio territoriale di Emergenza). Chiusa la porta di casa, avvisava il compagno che correva al presidio fingendo un malessere.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi