Portopalo e Marzamemi ospitano la prima tappa del tour dei “beni culturali” promossa dal deputato Filippo Scerra

"È paradossale - dice il portavoce del M5S- come regioni che abbiano un'offerta culturale minore della nostra, dal punto di vista turistico siano molto più competitivi"

 

Il deputato nazionale del Movimento 5 Stelle, Filippo Scerra, ieri ha dato il via al tour dei “Beni Culturali” che attraverserà la provincia di Siracusa, ma non solo. Il primo appuntamento è stato a Marzamemi e Portopalo, “una scelta non casuale – dice Scerra – perchè questo luogo negli ultimi anni ha subito un grande sviluppo“.

Ma Marzamemi è quasi un “unicum” in un territorio ricco di bellezze ma privo di servizi sia per la cittadinanza, sia per i turisti. “È paradossale – ancora il portavoce del M5S- come regioni che abbiano un’offerta culturale minore della nostra, dal punto di vista turistico siano molto più competitivi“.

Un appuntamento che è servito anche da confronto con il locale Meetup e con i simpatizzanti del Movimento che hanno potuto discutere con Scerra, Maria Marzana (deputato nazionale e componente in commissione Cultura) e con la professoressa ed esperta di Beni Culturali, Maria Rita Sgarlata, di quelle che sono le maggiori criticità del territorio e degli obiettivi futuri.

Non ultimi quelli di poter intercettare fondi per la ristrutturazione delle Tonnare di Marzamemi e Portopalo e di lavorare per inserire tra i siti Unesco il borgo marinaro. “Certo – conclude Scerra- non abbiamo la bacchetta magica, ma è nostro dovere lavorare sodo per riuscire a migliorare le cose“.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo