Portopalo, il racconto della nuova frontiera della formazione nel corto “A sud del sud”

La storia della cooperativa Quetzal, tra le 38 aziende siciliane operanti nei settori turistico- alberghiero e dei servizi aderenti al Piano formativo “Bit – Business Information for Trading”

Esiste una cooperativa a Modica che in Sicilia rappresenta il primo seme equo-solidale, capace di coniugare i concetti di alta qualità e alta dignità. Si chiama Quetzal e dal 1994, suo anno di nascita, dimostra come sia possibile fare business favorendo la giustizia sociale ed economica dei paesi del sud del mondo, attraverso la vendita di prodotti, artigianali e alimentari, di cui è possibile conoscere la lavorazione, le origini, i progetti, i produttori e gli ingredienti, in gran parte biologici, contribuendo a sviluppare una coscienza critica nei consumatori.

Quetzal è una delle 38 aziende siciliane, altre 28 del Lazio (10), Piemonte (10) e Campania (8), operanti nei settori turistico- alberghiero e dei servizi aderenti al Piano formativo “Bit – Business Information for Trading”, con ente capofila Civita srl di Catania, con Poliedra, Saip ed Eitd, finanziato da Fondimpresa, l’ente bilaterale composto da Confindustria e Cgil, Csil e Uil. Oggi alle 17,30 al Castello Tafuri si svolgerà una iniziativa organizzata da Civita nell’ambito di cui verrà proiettato il cortometraggio “Da sud a sud”, del regista Daniele Greco, che in 12 minuti racconta proprio la storia della Cooperativa Quetzal di Modica. A seguire due dibattiti, al primo parteciperanno Antonella Rizza, co-founder di Civita, mentre Adele Palazzo, Nanda D’amore, direttore di Civita, il regista Daniele Greco, Sara Ongaro e Saro Guarrasi della cooperativa Quetzal.

Dare voce alle aziende – ha dichiarato Nanda D’amore – raccontando la propria esperienza rappresenta un’occasione per innescare una riflessione su se stesse, per definire chiaramente la propria identità, per capire meglio i propri punti di forza e quelli di debolezza e per rilevare anche quali siano i bisogni espressi o inespressi degli interlocutori”.

Un secondo momento di riflessione, a partire dalle 19, sarà incentrato sul tema “Come cambia la formazione nelle imprese”. All’incontro, moderato dalla giornalista Letizia Carrara, parteciperanno Umberto Iacono past president Aif Sicilia, Benedetto Puglisi, direttore Beacadem, Maurizio Rosso, coordinatore regionale Slc – Cgil Sicilia. Le conclusioni saranno affidate a Massimo Cestaro, vicepresidente Fondimpresa.

 

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo