Portopalo, a rischio taglio i fondi contro il dissesto idrogeologico di Canalazzo

Oggi il sindaco Motnoneri e gli assessori Lentinello e Nieli chiederanno spiegazioni a Palermo

A rischio ci sarebbe una grossa fetta di finanziamento (500 mila euro circa) destinato a combattere il dissesto idrogeologico di contrada Canalazzo. “Se così fosse – ha dichiarato il sindaco del paese marinaro, Gaetano Montoneri – sarebbe davvero grave”. Oggi il primo cittadino e gli assessori Corrado Lentinello e Salvatore Nieli si recheranno a colloquio con il dirigente Maurizio Croce, che regge l’ufficio del commissario di Governo contro il dissesto idrogeologico nella Regione Siciliana.

Cercheremo di capire – ha detto l’assessore ai Lavori pubblici, Corrado Lentinello – quanto c’è di vero su quanto sta accadendo”. Il finanziamento è di 700 mila euro e riguarda gli interventi per combattere l’erosione costiera in Sicilia per l’importo complessivo di 96 milioni di euro.

Nello specifico il progetto riguarda il consolidamento e la messa in sicurezza della sede stradale nel quartiere Canalazzo lungo il tratto di costa tra la via Lucio Tasca e la via Nunzio Costa. Una parte di tali fondi, non solo riguardanti i progetti di Portopalo ma anche per gran parte de comuni del Siracusano, sarebbero stati tagliati durante una delle ultime giunte regionali.

Lo scorso 8 agosto, infatti, è stata approvata una delibera che ha rimodulato e redistribuito 420 milioni di euro che facevano parte del capitolo relativo al dissesto idrogeologico. “Per Portopalo – ha continuato Lentinello – sarebbe una grossa perdita. Ma oggi cercheremo di appurare la verità e successivamente ci muoveremo di conseguenza”. Nell’ambito dei tagli previsti, alcuni de progetti destinati alla provincia di Siracusa sarebbero stati integralmente tagliati, come il progetto di risanamento del costone del Lido di Noto. 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo