Calcio, secondo “addio” per il Portopalo: lascia anche il dg Lentinello

E presto annuncerà le dimissioni anche il presidente, don Gianluca Manenti

Corrado Lentinello

Ha lasciato l’allenatore, Balduino Ferlisi, ed ora lascia anche il direttore, Corrado Lentinello. E a fine luglio dirà “addio” alla squadra portopalese anche il presidente, don Gianluca Manenti, il parroco della chiesa di San Gaetano che sarà traferito nella provincia ragusana. Ad una settimana di distanza dall’annuncio di mister Ferlisi ha sciolto le riserve anche Corrado Lentinello, anima della dirigenza rossoblu e motore della macchina organizzativa societaria. “Una scelta sofferta – ha raccontato l’oramai ex dg del Portopalo – lascio una società che è stata parte della mia vita, un gruppo che ho contribuito a mettere in piedi e con cui sono stati raggiunti risultati storici”.

Nel 2010 il Portopalo era una squadra dell’oratorio Don Bosco, e nessuno in paese pensava mai che da li a qualche mese avrebbe debuttato in un torneo federale di Terza Categoria, conquistando ben due promozioni: in Seconda Categoria e poi in Prima. Uno dei “visionari” del progetto Portopalo è stato proprio Lentinello, che allora giovanissimo aveva le idee chiare e, alla luce di quanto accaduto, ci aveva visto lungo. Ma è arrivato il momento di dire basta. “Ci sono dei momenti nella vita in cui si fanno delle scelte – ha continuato Lentinello – e dopo settimane di riflessione ho deciso che è giunto quello di mettermi da parte. Non posso più dedicare il tempo di prima alla società e alla squadra e non per la politica (ndr Lentinello è assessore e consigliere comunale) ma per motivi personali”.

La decisione è stata presa, ma il groppo in gola è inevitabile. “Per me è un brutto momento – ha continuato Corrado Lentinello – sono combattuto, vorrei rimanere ma riconosco il fatto di non averne più la forza mentale e nemmeno il tempo. Ritengo sia la scelta più giusta e spero sia solo un arrivederci, non un addio”. E il futuro prossimo del dirigente sportivo pare sia lontano dal calcio, almeno per il momento. “Ho ricevuto proposte interessanti – ha confessato – le sto valutando ma quasi certamente mi fermerò per un anno”. Non solo il suo di futuro, ma anche quello dell’amato Portopalo. “L’auspicio è che si vada avanti – ha consulto Lentinello – ancora più forti di prima, altrimenti non è servito a nulla far rinascere il calcio a Portopalo e portarlo dove mai è stato prima nella sua storia”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo