In tendenza

Democrazia partecipata a Pachino, primi passi per avviare la consultazione dei cittadini

Ogni anno i Comuni sono tenuti a spendere il 2% dei fondi che ricevono dalla Regione Siciliana con forme di democrazia partecipata e quindi coinvolgendo i cittadini nella scelta dei progetti da realizzare con questi fondi

A Pachino primi passi per la presentazione e la valutazione dei progetti di democrazia partecipata. Ogni anno i Comuni sono tenuti a spendere il 2% dei fondi che ricevono dalla Regione Siciliana con forme di democrazia partecipata e quindi coinvolgendo i cittadini nella scelta dei progetti da realizzare con questi fondi. La democrazia partecipata è un modello di procedura politica che punta all’inclusione, alla collaborazione e ad un rapporto trasparente fra istituzioni e società civile.

L’idea è quella di attribuire alla cittadinanza una diretta responsabilità nell’esercizio (anche parziale) del potere pubblico nelle sue varie forme: assumere decisioni, fare proposte, gestire un bene pubblico, organizzare un servizio o monitorare e valutare l’attuazione di politiche pubbliche. Il tentativo è quello di andare oltre la delega totale del potere ai rappresentanti politici eletti, ma per contro ciò non significa un esercizio esclusivo da parte dei cittadini. La democrazia partecipata si basa piuttosto sul principio di una relazione interattiva, collaborativa o anche costruttivamente conflittuale, fra soggetti pubblici e società civile finalizzato migliorare il perseguimento dell’interesse generale.

Dal 2015 – ricorda il sindaco Carmela Petralito – è stata introdotta una sanzione per i Comuni inadempienti, che devono restituire la somma non spesa alla Regione. Finalmente il Comune di Pachino si è dotato nel dicembre scorso, con la nuova amministrazione, del regolamento, illustrato dal consigliere Pantoni ed approvato all’unanimità. Ieri con lo stesso consigliere, con l’assessore Marilena Rubera e con i funzionari Blundo e Tusa abbiamo fatto il punto della situazione, per avviare la consultazione dei cittadini pachinesi.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo