Pachino, il 19 novembre scuole in corteo per difendere il “Bartolo”

Dopo il vertice tra i dirigenti dei cinque istituti scolastici cittadini

Un momento dell'incontro tra i dirigenti scolastici

Tutti uniti per difendere la scuola “Bartolo”. E stavolta scenderanno in strada a tutelare il diritto allo studio tutti gli studenti pachinesi, delle scuole superiori e degli istituti comprensivi, che si sono dati appuntamento a martedì 19 novembre. Nonostante tanti proclami e tante polemiche non si intravedono ancora soluzioni certe a garanzia di un futuro per gli studenti del primo istituto superiore “Michelangelo Bartolo”, a rischio sgombero.

Dal Libero consorzio di Siracusa sono giunte rassicurazioni circa la volontà di stipulare – finalmente – un contratto (visto che è scaduto da tempo) ma solo per un anno, e c’è anche la disponibilità a prevedere il pagamento di 12 mensilità. Almeno stando a quanto comunicato dagli uffici dell’ente di via Roma a Siracusa.

Nella sede a rischio di viale Aldo Moro si è svolto un vertice cittadino a cui hanno partecipato i rappresentanti delle due scuole superiori (Oltre al Bartolo anche il Paolo Calleri) e dei tre istituti comprensivi (Silvio Pellico, Giovanni Verga e Vitaliano Brancati). Al centro del dibattito la promozione di una manifestazione cittadina, una giornata di cittadinanza attiva per chiedere un futuro certo agli studenti della scuola di viale Aldo Moro.

È stata stabilita una data, quella del 19 novembre, e anche un percorso: si partirà  alle 9,30 proprio dalla sede che rischia lo sgombero per arrivare sino in piazza Vittorio Emanuele. “Siamo i promotori di questa iniziativa – ha dichiarato il dirigente scolastico del Bartolo, Antonio Boschetti – ma vorremmo il coinvolgimento di tutte le istituzioni del territorio e dei rappresentanti dell’intera comunità. È una battaglia che si deve intestare tutta la città”. All’iniziativa ha già aderito il comune di Portopalo, ma si attendo anche le conferme del comune di Pachino, di associazioni, parrocchie e di tutti coloro che sceglieranno di difendere il futuro dei propri figli. 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo