Pachino, al commissario Rosanna Mallemi la cittadinanza onoraria di Corleone

Il viceprefetto aggiunto ha retto il Comune palermitano in qualità di commissario assieme ad altre due funzionarie

Al centro, il commissario Rosanna Mallemi

Il commissario straordinario Rosanna Mallemi è cittadina onoraria di Corleone. Il viceprefetto aggiunto, che da febbraio dello scorso anno guida il Comune di Pachino assieme a Carmelo Musolino e Vincenzo Lo Fermo, oggi nell’aula consiliare del comune in provincia di Palermo ha ricevuto il conferimento della cittadinanza, assieme al prefetto di Palermo Antonello De Miro e alle altre due funzionarie il vice prefetto Giovanna Termini e il funzionario economico finanziario Maria Cacciola, che dall’agosto del 2016 al novembre del 2018 hanno retto il Comune in qualità di commissarie straordinarie. La scelta di conferire la cittadinanza al prefetto e alle funzionarie è stata fatta dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Nicolò Nicolosi, sindaco eletto lo scorso anno dopo la fase di commissariamento, già lo scorso 2 settembre con l’approvazione dell’atto in consiglio comunale. 

Un riconoscimento – ha dichiarato Rosanna Mallemi – che non voglio pensarlo a titolo personale, anche se ne sono felice. Ritengo, invece, sia il simbolo del risultato positivo e corale, delle istituzioni e della cittadinanza assieme, rispetto al fatto traumatico del commissariamento. A Corleone siamo riusciti a far ripartire la città, grazie ai legami stretti con la parte sana della comunità, che si è sentita ferita da ciò che è accaduto. È la dimostrazione che insieme qualcosa si può fare per risanare le condizioni dei comuni, e mi auguro che anche a Pachino possa accadere”. 

Tra le attività che ha visto impegnata Rosanna Mallemi e la commissione a Corleone, ci sono la costituzione di parte civile contro le cosche mafiose locali, la decisione di intitolare la via Scorsone, dove abita Ninetta Bagarella, moglie di Totò Riina, al giudice istruttore Cesare Terranova ucciso dalla mafia corleonese.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo