In tendenza

Pachino, cala il sipario sul festival “Talia street art”

Un fine settimana in cui un gruppo di artisti ha fatto rivivere il centro storico

La pittura, la musica, lo spettacolo per far rivivere il centro abitato pachinese. Si è conclusa con un bilancio positivo la prima edizione di “Talia street art festival”, un evento organizzato da Arternative Zone e Borgo Sostenibile. L’evento si è svolto da venerdì a domenica ed ha visto un gruppo di artisti locali impegnati a rianimare piazza Vittorio Emanuele, il piazzale della stazione e altri luoghi da tempo “dimenticati” dagli stessi pachinesi. La conferenza stampa di apertura si è svolta venerdì mattina nel cortile del palazzo Tasca, in presenza del mecenate di Fiumare d’arte, Antonio Presti e del sindaco, Carmela Petralito.

Il nostro è “il secolo della dittatura dell’ignoranza – ha dichiarato Presti – L’unico modo per uscirne è la conoscenza, i libri, il cuore. Riscoprire e coltivare la bellezza e l’arte in tutte le sue forme”. L attività hanno anche coinvolto alcuni istituti comprensivi cittadini. In tre giorni qualche scorcio di Pachino è diventato più “bello”, attraverso la realizzazione di murales (nella scuola di via Mallia), alla vecchia stazione in via Nenni, e grazie alle istallazioni nei locali della piazza centrale.

Hanno partecipato a Talia i pittori Davide Napolitano, Lucy Lorefice, Stefano Marino, Denise Fabbri, Felicia Corvo, Maria Giovanna Fratanontnio, Geronimo Ganzo “Gerou art” e i fotografi “Santi Codiglione, Marco Interlando, Domenica Lupo il collettivo “Malavoglia”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo