In quarantena chi arriva da Spagna, Grecia e Malta: firmata l’ordinanza anti Covid

Covid-19, salgono ancora i contagi: 3 nuovi positivi a Siracusa

Pachino, il gruppo “Possibile”: “definire l’iter del progetto della nuova rete fognaria di Marzamemi”

Esiste un bando regionale in cui il Comune è al secondo posto finanziabile nella graduatoria provvisoria

Definire l’iter burocratico de progetto di rifacimento della rete fognaria, che deve sfociare nella gara d’appalto”. A chiederlo è il gruppo “Pachino Possibile”, di cui fanno parte gli ex amministratori Roberto Bruno, Gianni Scala, Santina Baglivo, Giuseppe Cannarella, Andrea Nicastro e Turi Borgh. “L’accento posto da “Borgo Sostenibile” sulla questione fognaria di Marzamemi – spiegano – sulla necessità di avviare quanto prima i lavori relativi al progetto presentato dalla precedente amministrazione Bruno, va nella corretta direzione della partecipazione civica dei cittadini che hanno a cuore il bene comune. E già quando la nostra amministrazione era in carica il progetto presentato è stato ammesso alla procedura e dichiarato finanziabile”.

Il progetto da 800 mila euro, presentato nel 2018, comprende quattro distinte parti: la realizzazione e il completamento della rete fognaria di Marzamemi, la realizzazione di un impianto fotovoltaico per l’alimentazione a zero emissioni del depuratore comunale, il recupero dell’edicola di San Giuseppe quale manufatto avente caratteristiche architettoniche storiche riconosciute dalla Sovrintendenza dei Beni Culturali di Siracusa e la sostituzione caldaie e impianto solare termico in alcuni edifici pubblici. Al momento il Comune di Pachino risulta al secondo posto nella graduatoria regionale in posizione finanziabile, ma si attende ancora il decreto definitivo da parte della Regione, per fissare la graduatoria.

Abbiamo continuato in questi mesi – hanno continuato i componenti di Pachino Possibile – ad occuparci dei problemi della nostra comunità, e sempre continueremo a farlo. Così su questo progetto ci siamo sempre interfacciati per seguirne, da cittadini e da ex amministratori, il corretto iter burocratico presso l’Ufficio Tecnico comunale (che ha svolto un buon lavoro di coordinamento) e con gli uffici della Regione che hanno sempre mostrato disponibilità alla collaborazione. Auspichiamo che, nei mesi a venire, una più incisiva presenza nella guida amministrativa dell’ente potrà consentire di accelerare l’iter dei tanti progetti avviati dalla nostra amministrazione e così vedere finalmente realizzati i risultati per i quali ci siamo tanto spesi in cinque anni difficilissimi”. 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo