In tendenza

Pachino, i disservizi al Presidio d’emergenza, il deputato nazionale Raciti: “Situazione inaccettabile”

Domani alle 10 è previsto un sit-in di protesta

Una situazione assurda e inaccettabile”. A dichiararlo è il deputato nazionale del Partito democratico, Fausto Raciti, che è intervenuto sulla vicenda dei disservizi al Presidio territoriale d’emergenza di contrada Cozzi dell’Asp.

Il Pte di contrada Cozzi poteva contare fino a pochi giorni fa su 4 medici che garantivano due turni giornalieri di 12 ore ciascuno, più un quinto medico a mezzo servizio. A causa di problemi personali sopravvenuti per due medici, non potrà essere garantita la turnazione al 118, che rischierà di essere sprovvisto di medici in alcune fasce orarie. Nel primo mese, infatti, è già stato calcolato un disservizio che riguarderebbe ben 15 turni, durante i quali l’equipe medica, a meno che non ci siano interventi di integrazione di personale da parte dell’Azienda sanitaria, sarà formata solo da autista dell’ambulanza, soccorritore ed infermiere.

Se dovesse realizzarsi – ha dichiarato Raciti – avrebbe ripercussioni gravissime non solo per la città di Pachino, ma anche per i vicini ospedali di Noto e Avola. Infatti, specie durante un’emergenza pandemica, il ruolo dei PTE è di particolare importanza servendo proprio a decongestionare i pronto soccorso dalla gestione delle urgenze di moderata entità”.

Raciti punta il dito contro l’Azienda sanitaria. “La manifesta incapacità della dirigenza della locale ASP di reperire il personale necessario a garantire l’operatività di strutture sanitarie di prossimità indispensabili per la salute dei cittadini – prosegue il parlamentare nazionale – non può essere considerato ormai un fatto puramente episodico. Per questo mi farò promotore di un’interrogazione parlamentare che possa chiarire eventuali responsabilità che non possono essere più sottaciute”.

Raciti dichiara inoltre il suo sostegno all’iniziativa dei consiglieri comunali “Progressisti per Pachino”, un sit-in di protesta che si svolgerà domani alle 10 davanti al Pte.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo