In tendenza

Pachino, il viceministro Castelli al candidato Fortuna: “Amministrare dopo lo scioglimento per mafia è un lavoro duro”

Davanti al Comune il viceministro ha tenuto un confronto con Fabio Fortuna. A lui ha fatto un "in bocca al lupo"

Capire l’adeguatezza dei fondi stanziati per Pachino, comune sciolto per mafia. Questo l’obiettivo della visita in città, ieri, del viceministro all’Economia, Laura Castelli, la quale accompagnata dal deputato nazionale, Filippo Scerra, ha incontrato la Commissione straordinaria che regge l’ente municipale.

Proprio davanti al palazzo di città, inoltre, il viceministro ha tenuto un confronto con il candidato sindaco alle prossime amministrative del Movimento 5 stelle, Fabio Fortuna. A lui ha fatto un “in bocca al lupo” per la tornata elettorale: “candidarsi in un comune sciolto per mafia è un lavoro complicato” – ha detto. QUI il video

“Noi siamo intervenuti come Stato. – ha sottolineato il viceministro – Abbiamo creato un fondo per i comuni sciolti per mafia per garantire i servizi essenziali. Grazie a questi fondi, il Comune di Pachino ha pagato gli stipendi ai dipendenti. Questo è stato un intervento che abbiamo fatto con forza, perchè lo Stato deve continuare a essere presente soprattutto nei territori che hanno avuto questo tipo di problemi. Non è facile riprendere un’amministrazione dopo lo scioglimento per mafia. Noi siamo qui per testimoniare che non vogliamo lasciare da soli i cittadini. Speriamo che le prossime elezioni amministrative possano dare un nuovo volto alla città”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo