In tendenza

Pachino, Italia Viva si smarca dalla campagna elettorale. Ma Cafeo affiancherà Midolo

Stasera l’incontro in cui si deciderà il futuro

Turi Midolo

Italia Viva si smarca dalla campagna elettorale, ma il deputato regionale Giovanni Cafeo affiancherà l’ex consigliere Turi Midolo. Dunque, ufficialmente i renziani non si schiereranno ma nelle prossime ore decideranno chi sostenere.

Abbiamo lanciato nelle scorse settimane un appello ampio e rivolto a tutti coloro i quali non si ritrovano in posizioni sovraniste e populiste, al fine di proporre per Pachino una guida autorevole espressione della maggioranza moderata – ha dichiarato Cafeo – nonostante le buone intenzioni però non si sono create le condizioni ideali per arrivare a questo obiettivo ed è giusto prenderne atto”.

Il progetto di cui parla il parlamentare regionale è quello su cui si sono confortanti per un paio di mesi Partito democratico, Riscriviamo Pachino, Pachino verde e sostenibile e il gruppo di Turi Midolo assieme a Italia Viva. Per Midolo e Cafeo l’unico a poter rappresentare la coalizione in qualità di candidato a sindaco sarebbe stato Nicola Di Natale, i democratici e le altre due civiche hanno scelto Angelo Maione.

Non scenderemo direttamente in campo in questa tornata elettorale – prosegue Cafeo – convinti che saranno i cittadini a scegliere, come sempre, le sorti migliori per il loro futuro”.

Detto in soldoni, non ci sarà il simbolo ma i renziani troveranno presto una casa e a sceglierla sarà Midolo (che è il candidato con i voti). Due pare siano le possibilità: la colazione che sostiene Carmela Petralito, in cui sarebbe celebrato un inconsueto matrimonio tra Italia Viva e Fratelli d’Italia, oppure Salvatore Francavilla, leader di una coalizione a traino Udc.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo