In tendenza

Pachino, la Lega incalza sui tributi: “Diminuire la pressione, tutti i cittadini devono pagare”

Metallo: “Sfidiamo gli altri partiti su questi temi”

Metallo con Salvini

La campagna elettorale infuoca e inizia lo scontro sulle tematiche più importanti. Prima fra tutte quella dei tributi locali, al centro di una polemica lunga già 8 mesi per via delle cartelle pazze recapitate a famiglie e commercianti, il cui mancato pagamento ha mandato in tilt le casse comunali e causato il dissesto economico e finanziario.

Il taglio dei tributi locali – ha dichiarato Giordano Metallo Di Raimondo, candidato alla carica di primo cittadino per il Carroccio – non è utopia ma una proposta concreta suffragata da pareri di esperti amministrativi: più utenti che pagheranno i tributi, minore sarà l’onere tributario”.

Non manca il tono polemico per le vicissitudini legate alla mala gestione del recupero tributario. “Con noi alla guida della città, ogni “risorsa” pagherà i tributi, prima delle famiglie pachinesi. Ogni furbetto, ogni “amico della politica” o degli uffici, pagherà prima degli altri. iIl passato, invece, dovrebbero pagarlo i responsabili”.

E poi i ricorsi sulle cartelle pazze attorno a cui si sono scatenate polemiche e ricorsi. “Guai – ha precisato Metallo – a chi pensa di trasformare quelle cifre ingiuste, in ipoteche”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo