Pachino, la notte del maltempo: paura e distruzione in tre case di via dello Stadio travolte dal fango

Le abitazioni in cui vivono 4 famiglie sono nel quartiere Sacro Cuore/Stadio. L’appello di Franco Lao “Intervenire nella pulizia dei canali, qui rischiamo la vita”

Hanno rischiato di essere seppelliti dal fango, nella funesta notte di maltempo dello scorso 25 ottobre. La furia del fiume di acqua e detriti ha travolto tre abitazioni di via Dello Stadio e, a poche ore dall’inizio della pioggia battente di venerdì scorso, gli scantinati si sono riempiti fino al soffitto. Ma il livello del fango non si è arrestato: è salito fino a oltre un metro dal piano terra. Il risultato è stato devastante: quattro famiglie (15 persone) terrorizzate e centinaia di migliaia di euro di danni. “E’ stata una notte infernale – ha raccontato Franco Lao, uno dei residenti delle 3 abitazioni in cui vive la stessa famiglia -, abbiamo avuto tanta paura. E come noi tante altre famiglie che abitano in questa zona che sta diventando sempre più pericolosa nel periodo delle piogge”.

La conta dei danni hanno iniziato a farla da poco: ci sono voluti 5 giorni e 6 camion di rifiuti per avere ragione del fango che ha riempito le abitazioni. E l’elenco di quello che è stato spazzato via e distrutto è lunghissimo: tre autovetture, due ciclomotori, gli impianti elettrici, l’impianto del gas metano con gravi perdite durante la notte del temporale. E poi cancelli abbattuti, tre ascensori, porte, finestre, mobili, suppellettili, elettrodomestici: tutto distrutto, tra momenti di panico e letti che galleggiavano.

Quando ci siamo accorti che la situazione era degenerata – ha continuato Lao – abbiamo chiesto l’intervento dei vigili del fuoco: sono arrivati, ma quando si sono assicurati che non c’era più pericolo per la nostra vita, sono andati via e mai più ritornati”. Non è un’accusa quella di Franco Lao, ma la rabbia per il grosso rischio che hanno vissuto i suoi familiari. Durante la notte sono dovuti accorrere amici e parenti per tentare di salvare il salvabile e mettere in sicurezza le palazzine tra le vie Dello Stadio, Dei Mille e Ciavola.

Vedevamo enormi quantità di acqua riversarsi pericolosamente nelle nostre case da ogni angolo della città – ha proseguito Lao -, dalla zona della palestra comunale, da via Dei Mille e dalle campagne delle contrade Vitanovella e Pianetti: l’entità della pioggia è stata notevole rispetto al passato, ma neppure così esagerata da trasformare il flusso di via Dei Mille in un fiume in piena, cosa che prima non accadeva. È chiaro che c’è qualcosa che non ha funzionato nel deflusso dei canali di raccolta, vuol dire che ci sono tratti ostruiti. Bisogna intervenire subito”.

Quello di Lao è un appello che lancia alle istituzioni affinché queste situazioni di pericolo non si ripetano. I problemi a cui può essere attribuita l’eccessiva esondazione sono macroscopici: l’insufficiente pulizia del collettore di raccolta delle acque piovane, che scende da contrada Pianetti, delle griglie di via Dello Stadio e la mancata pulizia dei terreni alle spalle del centro abitato. “Invito – ha sottolineato Franco Lao – chi detiene la responsabilità di garantire la pubblica incolumità ad intervenire al più presto, perché potrebbe accadere di nuovo. Chiedo più sicurezza per la mia e per tutte le famiglie che abitano nella zona. Mi auguro che possa esserci un  tempestivo intervento”.  


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo