In tendenza

Pachino, Midolo ha scelto: sosterrà Carmela Petralito, ma la sua candidatura resta in bilico

Il movimento “Pachino Azzurra” correrà al fianco di Cambiamenti, Rinascita e Fratelli d’Italia

Turi Blundo, Turi Midolo e Peppe Spataro

Se nell’affaire Midolo ci sono dei vincitori, allora portano i nomi di Turi Blundo, Sebastiano Mallia, Piero Scala, Peppe Gambuzza (ndr l’architetto) – insomma il gruppo di Rinascita – perché sono riusciti a far passare la loro linea politica dopo un duro confronto con Cambiamenti e Fratelli d’Italia. Ma a vincere è anche la candidata a sindaco, Carmela Petralito, che adesso si trova alle spalle una coalizione catapultata (sembrerebbe) direttamente al turno di ballottaggio.

Ieri sera nella sede di via Magenta si sono seduti allo stesso tavolo Franco Ristuccia, Turi Blundo, Sebastiano Mandalà (e tanti altri) e con loro anche Turi Midolo ed il suo movimento “Pachino Azzurra”. Anche se la candidatura al consiglio comunale dello stesso Midolo non è ancora certa. A ufficializzare l’accordo sono stati gli stessi esponenti della coalizione. “Si rafforza così lo schieramento in vista delle elezioni amministrative – si legge nella nota congiunta della coalizione – e nei prossimi giorni riprenderà il lavoro di stesura del programma per il rilancio della nostra città”.

Dunque, è stata superata ogni iniziale ritrosia sull’eventualità di allargare la coalizione ad un’altra realtà politica a parte Rinascita, Cambiamenti e Fratelli d’Italia. C’erano gli intransigenti guidati da Ristuccia e Mandalà che avrebbero voluto chiudere a 3 la coalizione, ma ad averla vinta sono stati i possibilisti (e lungimiranti) pentafrecciati rappresentati da Sebastiano Mallia. Un confronto infuocato in cui non sono mancati momenti di tensione politica, ma che da ieri sera ogni ritrosia è stata definitivamente superata.

Pachino Azzurra è un movimento liberale di centrodestra – ha dichiarato il coordinatore, Giuseppe Spataro – che ha deciso di concorrere alle prossime elezioni comunali con una propria lista a supporto della candidata Carmela Petralito. La scelta è frutto di una analisi attenta ed accurata dopo un confronto sui programmi. La priorità è quella di rilanciare la città facendo attenzione alle esigenze dei cittadini”.

Notizia nella notizia è che Turi Midolo non ha sciolto le riserve sulla propria candidatura alla massima assemblea cittadina: farà parte della coalizione dando un apporto di esperienza ed idee, e potrebbe sostenere un candidato. La precisazione fatta da Spataro riguardo alla collocazione del movimento (il Centrodestra) servirebbe non solo a sottolineare l’omogeneità politica della coalizione (Rinascita da sempre vicina al Centrodestra, Cambiamenti e Fdi sono due facce della stessa medaglia coniata dalla Giorgia “nazionale”), ma anche a troncare definitivamente i rapporti con il deputato regionale Giovanni Cafeo, nella fila di Italia Viva all’Ars, che era molto vicino a Midolo e al suo gruppo.

“Il movimento – ha continuato Giuseppe Spataro – rinnovato nella classe dirigente rispetto a qualche mese fa, si staglia nella galassia politica del centrodestra. In quel versante politico sceglierà il candidato da sostenere sia alle prossime regionali che alle nazionali”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo