In tendenza

Pachino, nasce la Giunta Petralito “bis”: Fratelli d’Italia resta fuori

Il vicesindaco è Ninni Nicastro

La nuova giunta

Nell’ultimo freddissimo sabato di gennaio è nata la seconda giunta guidata dal sindaco, Carmela Petralito, ad appena tre mesi dalla prima. Ne fanno parte il consigliere comunale Ninni Nicastro, vicesindaco (#diventerà Bellissima), Martina Giuliano, unica confermata, (#diventerà Bellissima), Giuseppe Campo (Cambiamenti) e Daria Di Maio (Cambiamenti). Il primo cittadino ha azzerato l’esecutivo e oggi pomeriggio stesso assegnerà le deleghe, riservandosi di nominare il quinto assessore. La volontà di non chiudere sembrerebbe un segnale lanciato, una finestra lasciata aperta al gruppo di Fratelli d’Italia, il primo partito a Pachino, rimasto fuori dall’esecutivo comunale. Uno scontro che è iniziato il giorno successivo alla vittoria delle elezioni amministrative e che si è inasprito prima con le dimissioni di Sebastiano Mandalà, poi con la revoca di Roberto Arangio. Adesso la frattura sembrerebbe insanabile.

Il partito della Meloni è risultato il primo in città lo scorso ottobre, con quasi mille 500 voti di lista e tre consiglieri comunali, tra cui i due più votati di tutti i candidati al consiglio: Sebastiano Gabeli (481 voti), Giuseppe Lupo (388 voti) e Nuccia Burgaretta (224 voti).

Ora bisognerà capire come la prenderanno quelli di Fdi, con cui è stato tentato un approccio ma pare che nelle ultime ore il dialogo si sia interrotto poiché i nomi messi sul tavolo del sindaco non erano graditi. E forse nemmeno condivisi tra tutti i consiglieri comunali. Così il sindaco, Carmela Petralito, ha deciso di chiudere momentaneamente a 4 l’esecutivo e presentarsi lunedì in consiglio comunale. Per il quinto assessore sarà valutato l’evolversi della situazione politica.

Le deleghe:
Il vicesindaco Nicastro si occuperà di Bilancio, Tributi, Entrate, Attività Produttive e Agenda digitale, la confermata Giuliano guiderà le rubriche Affari Generali, Trasparenza e Legalità, Polizia Municipale, Servizi Demografici ed Elettorale, Servizi cimiteriali e Anagrafe canina. Per Di Maio Welfare Sociale, Politiche giovanili, Pubblica Istruzione, Attività culturali, Turismo, Spettacolo, Sport e Pari Opportunità, Associazionismo e Volontariato.
Per l’ex consigliere Campo Lavori Pubblici, Urbanistica, Territorio Ambiente.
Il sindaco ha tenuto per se Sanità, Personale, Politiche familiari e Comunicazione.
Stiamo procedendo sulla strada del risanamento economico e del rilancio delle attività del Comune– dichiara la sindaca Petralito – Non ci interessano le polemiche strumentali ed infondate ma siamo sempre disponibili al confronto”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo