Pachino, notte di terrore al Pte: lo assaltano con l’auto in cerca di vendetta

Erano in tre, bloccati da carabinieri e polizia

Hanno buttato giù la porta d’ingresso del Pte direttamente con l’auto, perché l’uomo che cercavano era la dentro, alle prese con 10 punti di sutura. È stata una nottata d’inferno, quella appena trascorsa, per gli operatori del Presidio territoriale d’emergenza dell’Azienda sanitaria di contrada Cozzi. Tre ore di terrore in cui medici, paramedici e un paziente sono rimasti  barricati all’interno della struttura a causa del tentativo di assalto dall’esterno da parte di 3 uomini che, visto che non riuscivano ad entrare dentro con le buone, ci hanno provato con le cattive: a bordo della loro auto.

Tutto è cominciato poco prima di mezzanotte, quando un uomo scampato ad una lite iniziata in un bar (che per legge avrebbe dovuto essere chiuso), si è beccato un colpo di legno in testa e si è diretto al Pte per farsi medicare la ferita. Mentre il medico applicava i punti di sutura, hanno bussato violentemente alla porta: erano le altre tre persone coinvolte nella lite che, stando a quanto captato dagli operatori sanitari, volevano completare l’opera.

Dopo grida e minacce, hanno pensato di prendere la ricorsa con l’autovettura per sfondare la porta d’ingresso. Sono riusciti a distruggerla, ma non ad entrare. Fortunatamente sono intervenute due pattuglie di carabinieri e polizia, che hanno provato a sedare gli animi. Ma non immediatamente.

Perché i tre uomini, in preda alla furia, hanno anche appiccato un incendio nell’autovettura del paziente, domato dai vigili del fuoco del distaccamento di Noto. I tre sono state individuati ed arrestati da carabinieri e polizia per danneggiamento, lesioni e incendio.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo