Pachino, pubblicata la gara d’appalto per la refezione scolastica

Le istanze dovranno essere presentate entro le 12 del 12 novembre. La gestione costerà 337 mila euro e durerà un anno

Il centro cottura di via Rubera

È stata pubblicata la nuova gara d’appalto per la gestione della  refezione scolastica. Il servizio prevede 700 pasti giornalieri per un costo di 337 mila euro (+ iva al 4 per cento), integralmente a carico degli utenti. Trattandosi di servizio a domanda individuale, vista la situazione finanziaria dell’ente, la Commissione ha scelto di continuare (come già accaduto in precedenza) a non gravare sulle casse dell’ente prevedendo l’intero costo a carico delle famiglie.

Il costo previsto di ogni singolo pasto sarà di 3,44 euro + iva al 4 per cento (3,57 euro), inferiore a quello dello scorso anno: 3,74 euro (3,60 euro + iva al 4 per cento). Per ridurre la quota è stata prevista una forma di compartecipazione dell’ente in termini di beni strumentali, come il centro di cottura di via Rubera, i mezzi di trasporto e tutta l’attrezzatura presente, valutati complessivamente 16 mila euro per tutto il periodo in cui è attivo il servizio (140 giorni di scuola per 9 mesi). Nel frattempo la sala laterale al centro di cottura di via Rubera è stato vandalizzata: vetri infranti a colpi di pietre e interni a messi a soqquadro. 

Gli istituti interessati sono il “Verga”  nei plessi di viale Aldo Moro e via Catania, il “Pellico” nei plessi delle vie Cirinnà e Rubera e il “Brancati” nelle sedi di via Tafuri, Mascagni e Rubera. In totale i pasti saranno in totale 98 mila, 700 giornalieri suddivisi in 553 per alunni delle scuole dell’infanzia, 148 per la primaria e 84 per insegnanti e personale scolastico. Le istanze dovranno essere presentate negli uffici comunali sino alle 12 del 12 novembre, la durata dell’appalto sarà di un anno e l’aggiudicazione avverrà dalla valutazione dell’aspetto qualitativo, economico e organizzativo delle offerte. 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo