Pachino, violazioni della quarantena: una persona denunciata e un negozio aperto a Marzamemi

Continuano i controlli degli agenti del Commissariato di via Tafuri

Un negozio di abbigliamento aperto in una Marzamemi così vuota che sembra un villaggio fantasma. È successo ieri pomeriggio, durante i controlli svolti dagli agenti del commissariato di via Tafuri, agli ordini del vice questore, Maria Antonietta Malandrino, dirigente della Digos di Siracusa.

Nell’attività di serrati controlli per verificare gli spostamenti e la chiusura delle attività che prevede il decreto contro la diffusione del Coronavirus, i poliziotti hanno scoperto un’altra persona che circolava senza alcun valido e comprovato motivo, e nel borgo marinaro c’era un negozio di abbigliamento aperto. In tre giorni di verifiche, a seguito dell’inasprirsi delle misure di contenimento della diffusione del Coronavirus, le persone denunciate tra Pachino e Marzamemi sono quasi 20.

Si ricorda che si deve evitare ogni spostamento e non si può uscire di casa senza giustificato motivo, per cui ci si può allontanare dalla propria abitazione sono lavorative, sanitarie e per fare la spesa.

Chiunque dovrà spostarsi, anche a piedi, dovrà presentare una un’autocertificazione per il controllo e si può scaricare un modulo facsimile (il web ne è già disseminato) in cui si motiva il proprio spostamento ma chi non avesse la possibilità di stamparlo può ricopiare il testo su un foglio di carta. In caso di dichiarazione falsa si potrebbe essere denunciati per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo