Portopalo di Capo Passero, in sicurezza il “Canalazzo”: finanziato il progetto di consolidamento

Può partire da oggi il countdown per un ripristino della normalità in un sito dal grande valore turistico

La mareggiata del marzo 2015 a Portopalo di Capo Passero, nel Siracusano, se la ricordano ancora e i danni che sono tuttora ben visibili sul litorale, di certo, non aiutano a dimenticarla. La buona notizia è che la Struttura contro il dissesto idrogeologico, guidata dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, ha sbloccato la situazione che peraltro, in questi cinque anni, è notevolmente peggiorata. Gli uffici diretti da Maurizio Croce hanno finanziato, infatti, la progettazione esecutiva per il consolidamento, nel quartiere Canalazzo, della sede stradale lungo il tratto di costa compreso tra le vie Lucio Tasca e Nunzio Costa.

Può quindi partire da oggi, a ragion veduta, il countdown per un ripristino della normalità in un sito dal grande valore turistico. I disagi, in questi anni, non sono stati leggeri se solo si considera che via Tasca è ancora oggi chiusa al transito e che la via Costa è stata sì riaperta, ma con l’eccezione dell’ultimo pezzo che porta al mare.

A ciò si deve aggiungere che in quest’area, in pieno centro storico, si trovano numerosi edifici residenziali e attività commerciali, oltre al collettore fognario di acque miste, con un rischio non trascurabile di inquinamento ambientale, in caso di rottura delle tubazioni.

Il progetto, che mira a evitare il rischio di ulteriori crolli, con coinvolgimento della carreggiata stradale, consiste nella realizzazione di una paratia di cinquantatré pali su doppia fila, con cordolo e muro in testa. Si procederà inoltre con la riprofilatura del versante con massi ciclopici di natura litologica compatibile con le caratteristiche geologiche locali. Infine, verrà effettuato il convogliamento delle acque piovane e di ruscellamento superficiale attraverso un canale di raccolta, da agganciare a una tubazione sotterranea esistente ma in disuso, che passa sotto la via Costa.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo