In tendenza

Weekend di ferragosto, controlli in mare della Guardia costiera anche a Portopalo

Particolare attenzione è stata riservata ai tratti di mare sottoposti a tutela quali l’Area Marina Protetta del Plemmirio e la Riserva Naturale Orientata di Vendicari

Terminato il weekend di ferragosto, la Guardia Costiera di Siracusa traccia un bilancio positivo delle attività di istituto svolte.
In aderenza alle disposizioni impartite dalla Direzione Marittima di Catania, l’importante dispiegamento di uomini e mezzi, terrestri e navali, dislocati lungo tutta la costa di giurisdizione, da Siracusa a Portopalo di Capo Passero, ha contribuito a garantire il buon andamento di tutte le attività affini al mare ed alla balneazione, nonché alla tutela dell’ambiente marino e costiero a cui è deputato il Corpo.

Le attività preventive, quelle di prossimità, unitamente ai controlli eseguiti, hanno – nel complesso – dato i loro frutti. Il “caldo” (in termini di temperatura e presenza sui litorali) week-end di ferragosto è trascorso serenamente.
Già dal 19 giugno, data di avvio dell’Operazione “Mare Sicuro 2021”, il personale della Guardia Costiera di Siracusa, coadiuvato da quello degli uffici dipendenti (Delegazione di Spiaggia di Avola, Delegazione di Spiaggia di Marzamemi e Ufficio Locale Marittimo di Portopalo di C.P.), si trova impegnato, in mare e sulle spiagge, alla verifica delle necessarie dotazioni ed in particolare dei presidi di sicurezza, previsti dalla vigente normativa, sia a bordo delle unità da diporto sia presso gli stabilimenti balneari.

Inoltre, in sinergia con le altre Forze di Polizia operanti in mare, si è proceduto alla consegna dei “bollini blu” a tutti i diportisti virtuosi; un tagliando adesivo da applicare all’unità da diporto con lo scopo di evitare che il diportista sia oggetto di ripetuti accertamenti, in modo da offrire all’utenza la possibilità di una navigazione più agevole.

Al buon andamento delle attività hanno contribuito gli incontri informativi tenutisi con le categorie di settore, concessionari/titolari degli stabilimenti balneari ed imprese di noleggio, che hanno permesso di orientare gli sforzi nella medesima direzione, ovvero garantire l’attività d’impresa senza mai tralasciare quegli aspetti fondamentali inerenti alla sicurezza della navigazione, alla salvaguardia della vita umana in mare e al rispetto dell’ambiente marino.

Durante le attività di controllo, particolare attenzione è stata riservata ai tratti di mare sottoposti a tutela quali l’Area Marina Protetta del Plemmirio e la Riserva Naturale Orientata di Vendicari al fine di garantire l’osservanza delle imposte prescrizione nonché il regolare svolgimento della balneazione.

In aderenza alle direttive della Prefettura e della Questura, in collaborazione con le polizie locali dei comuni del litorale nonché con le altre Forze di Polizia, gli uomini e le donne della Capitaneria di porto Guardia Costiera di Siracusa hanno anche partecipato a mirati servizi di vigilanza, per garantire la fruibilità degli arenili, evitando così il perdurare di attendamenti che avrebbero impedito, agli addetti ai lavori, di effettuare le operazioni di pulizia e messa in sicurezza delle spiagge.

Lo sforzo operativo, nella giornata di ferragosto, lungo il litorale siracusano ha compreso:
• 3 Unità Navali impegnate in pattugliamento da Siracusa a Portopalo per un totale 181 miglia percorse;
• 17 militari in pattugliamento dinamico terrestre lungo tutto il litorale di giurisdizione;
• 5 militari in Sala Operativa impegnati nella gestione di emergenze e segnalazioni;
• 4 aeromobili della Base aerea della Guardia Costiera di Catania e coordinati dal Comando Generale delle Capitanerie di porto di Roma.

I numeri salienti dell’attività sin qui svolta dal 19 giugno:
• N. controlli effettuati in mare: 626;
• N. controlli effettuati a terra: 1378;
• N. persone assistite/salvate: 58;
• N. illeciti amministrativi contestati: 110;
• N. illeciti penali contestati: 41.

Le attività di controllo svolte dal personale della Guardia Costiera di Siracusa, in mare e lungo i litorali, continueranno per tutta l’estate.
Con l’occasione, si ricorda il numero blu 1530 di emergenza in mare per attivare il dispositivo d’emergenza in mare.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo