In tendenza

A processo per truffa, assolta una 50enne di Portopalo

La donna avrebbe indotto in errore sia il soggetto privato sia Enel al fine di stipulare un contratto di fornitura di energia elettrica, formalmente intestato al privato residente a Palermo ma di fatto posto a servizio della sua abitazione

Nel pomeriggio di ieri, il Tribunale di Siracusa nella persona del Giudice Monocratico Martina Belpasso ha dichiarato l’assoluzione di R.L. operaia portopalese di 50 anni che era stata condotta a processo per il reato di truffa nei confronti di un soggetto residente a Palermo e nei confronti dell’Enel; secondo l’accusa la signora R. avrebbe indotto in errore sia il soggetto privato sia la società Enel al fine di stipulare un contratto di fornitura di energia elettrica, formalmente intestato al privato residente a Palermo ma di fatto posto a servizio della sua abitazione.

A conclusione dell’attività istruttoria il Pubblico Ministero ha comunque formulato richiesta di assoluzione ma con la cosiddetta formula dubitativa, ovvero perché non si è raggiunta la prova della colpevolezza dell’imputata, diversa la richiesta del difensore Giuseppe Gurrieri, che ha chiesto invece una sentenza di assoluzione piena per non aver commesso il fatto, stante l’assoluta mancanza di prove a carico dell’imputata. Il Giudice si è pronunciato accogliendo la tesi del difensore indicando in motivazione già depositata, le ragioni della assoluzione.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo