Pachino, avviati i lavori di adeguamento per 110 mila euro nei tre istituti comprensivi

Inizio della scuola ancora incerto: il 14 o il 24 settembre

L'istituto "Pellico"

L’incognita rimane ancora legata al giorno di inizio dell’anno scolastico, se il 14 o il 24 settembre, perché di mezzo c’è il referendum costituzionale e l’ingombro delle scuole utilizzate come seggi elettorali. Nel frattempo che saranno sciolti gli ultimi nodi relativi alla ripartenza delle attività didattiche, si cercano soluzioni per gli adeguamenti di edilizia leggera per i 3 istituti comprensivi pachinesi. Le somme destinate alle scuole pachinesi dal decreto “Rilancio” sono state di 110 mila euro, distribuite in tutti i plessi del territorio.

Al Pellico in via Cirinnà sono stati revisionati i servizi igienici, gli infissi e l’ascensore, mentre in via Rubera è stata rimossa la parete in cartongesso per rendere autonomo l’ingresso, la sistemazione del’ ex aula consiliare, la revisione dei servizi igienici, il ripristino dei locali ex ufficio Collocamento e la sistemazione della grondaia del tunnel parapioggia.

Inoltre, tre aule del Pellico, per insufficienza di spazio in base alle nuove disposizioni normative, saranno spostate nei locali della parrocchia di San Corrado, per cui il Comune ha ottenuto un finanziamento ulteriore di 13 mila euro per le spese di affitto, adattamento e trasloco degli arredi.

Anche in tutti i plessi del “Verga” sono stati revisionati i servizi igienici: viale Aldo Moro, via Catania, via Mallia. Ai Tre colli è stata sistemata la ringhiera esterna, in via Mallia sono stati ripristinati la scalinata di ingresso, la pavimentazione della palestra e sono stati adeguati i locali sopra il comando di polizia municipale.

Al “Brancati”, oltre ai alla revisione dei servizi igienici in tutti i plessi (Tafuri, Rubera e Sgroi), è stata ripristinata l’aula magna e del laboratorio musicale in via Tafuri e le pareti danneggiate dalle infiltrazioni d’acqua piovana.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo