In tendenza

Pachino, i Giuliano condannati per le minacce a Paolo Borrometi

I due imputati pubblicarono sul profilo Facebook del sito "La spia", di cui il giornalista è direttore, e su quello personale della vittima, frasi minacciose in merito a una inchiesta giornalistica del 22 agosto del 2016

Il Tribunale di Siracusa ha condannato a un anno e due mesi di reclusione ciascuno Salvatore e Gabriele Giuliano, padre e figlio, per le minacce al giornalista e vicedirettore dell’Agi Paolo Borrometi.

I due imputati pubblicarono sul profilo Facebook del sito “La spia”, di cui il giornalista è direttore, e su quello personale della vittima, frasi minacciose in merito a una inchiesta giornalistica del 22 agosto del 2016 redatta da Paolo Borrometi e relativa agli affari della mafia nei Comuni del Siracusano.

Le frasi minacciose ai danni di Borrometi furono rivolte da Salvatore Giuliano in una nuova occasione, poco dopo la pubblicazione di un altro articolo ma sul sito articolo21.org firmato da Giuseppe Giulietti.

Il vicedirettore dell’Agi, rappresentato dall’avvocato Vincenzo Ragazzi, si è costituito parte civile nel processo insieme al Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, la Federazione nazionale della stampa italiana e l’Associazione siciliana della stampa.

“È stato un processo articolato durato circa tre anni ma alla fine siamo soddisfatti dell’esito – ha detto l’avvocato Ragazzi – al termine del processo celebrato al Tribunale di Siracusa che ha condannato Salvatore e Gabriele Giuliano alla pena di 1 anno e due mesi di reclusione ciascuno per minacce aggravate dal metodo mafioso ai danni del giornalista. Un dibattimento complesso ma è importante rilevare che le tesi dell’accusa hanno retto”.

(Agi)


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo